Alessandro
Beyoncé parla della sua esibizione al Super Bowl 2013
6 Febbraio 2016
in Intervista, video, News

Dal 2013 Beyoncé non compare in televisione per essere intervistata; in occasione del Super Bowl Halftime Show 2016, Beyoncé rompe il silenzio parlando della sua esibizione del 2013 in uno speciale dedicato ai performer del Super Bowl del passato, in esclusiva su CBS, dal nome “The Super Bowl’s Greatest Halftime Shows”.

Quest’anno (domenica 7 febbraio 2016) condividerà il palco coi Coldplay e Bruno Mars; nel 2013 era la performer della serata e ha condiviso il palco con Kelly & Michelle, guardate le immagini inedite della preparazione dell’esibizione del 2013 e leggete tramite la traduzione sottostante le parole di Queen B sulla preparazione dello show:

 

 

“Mi ricordo perfettamente che sono cresciuta guardando il Super Bowl con la mia famiglia, un evento che riuniva la famiglia per guardarlo insieme. So che dovevo dare il massimo, volevo che fosse un momento iconico, qualcosa che la gente non avrebbe mai dimenticato.

Non posso farne a meno: collaboro e rispetto tutte le persone con cui lavoro ma ho immaginato l’esibizione prima di metterla in atto, abbiamo preso molte direzioni, cambiavamo idea ogni giorno, cercavamo di perfezionarlo ogni giorno.

È la mia passione, è perché respiro, è ciò che sogno, lotterò per continuare a perfezionarmi, migliorarmi, sapendo che c’è sempre da crescere.

Aprire col discorso di Vince Lombardi è stato molto d’impatto per me, mi ha dato davvero molta carica, non potevo non sentirmi una guerriera. È di una quelle esibizioni magiche che non puoi più ricreare.  

È sempre importante per me essere una donna forte, non ci sono state molte donne che si sono esibite al Super Bowl e ho dovuto farlo per le donne.

Non potevo fare il Super Bowl senza Kelly & Michelle, alcune delle canzoni di maggior successo della mia carriera le ho avute con le Destiny’s Child., sono parte della mia storia: è stato bellissimo e davvero meraviglioso avere le mie sorelle sul palco accanto a me. Ero molto felice di averle lì e perché hanno innalzato la mia performance e anche perché non ci esibivamo insieme da molto: è stato come sempre.

Quando ci ripenso, dico ‘oddio, ogni 30 secondi qualcosa di nuovo veniva fuori’, uno dei motivi per cui mi alleno molto è perché poi posso lasciarmi andare completamente e rilassarmi e mi sento sicura.

Il Super Bowl Halftime Show è uno momenti più grandi in assoluto a cui puoi pensare come artista e come performer.

‘Halo’ è stato un momento bellissimo per me, ero in un questo stadio enorme e volevo avere un po’ di intimità e contatto coi fan: così è sembrato più un concerto che un evento televisivo, non è stato affatto freddo per me. All’ultima nota di ‘Halo’ ho pensato ‘oddio, sono così grata per questa opportunità che mi è stata data’, mi sono sentita travolta e commossa: è stata una serata incredibile.”